Il coniuge, il compagno o la compagna del narcisista

Domanda:

Che tipo di coniuge/compagno/compagna è probabile che sia attratto da un narcisista?

Risposta:

Le vittime

In apparenza, non c'è un partner o compagno (emotivo) che tipicamente si "lega" a un narcisista. Sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. Le fasi iniziali di attrazione, infatuazione e innamoramento sono abbastanza normali. Il narcisista mette la sua faccia migliore e l'altra parte è accecata dall'amore nascente. Un processo di selezione naturale avviene solo molto più tardi, quando la relazione si sviluppa e viene messa alla prova.

Vivere con un narcisista può essere esaltante, è sempre oneroso, spesso straziante. Sopravvivere a una relazione con un narcisista indica, quindi, i parametri della personalità del sopravvissuto. Lei (o, più raramente, lui) viene plasmata dalla relazione nel tipico compagno/compagna/sposo narcisista.

Prima di tutto, la partner del narcisista deve avere una comprensione carente o distorta di sé e della realtà. Altrimenti, lei (o lui) è destinata ad abbandonare presto la nave del narcisista. La distorsione cognitiva è probabile che consista nello sminuire e sminuire se stessa mentre si esalta e si adora il narcisista.

La partner si mette così nella posizione dell'eterna vittima: immeritevole, punibile, un capro espiatorio. A volte, è molto importante per la partner apparire morale, sacrificale e vittimizzata. Altre volte, non è nemmeno consapevole di questa situazione. Il narcisista è percepito dalla partner come una persona nella posizione di esigere questi sacrifici da lei perché è superiore in molti modi (intellettualmente, emotivamente, moralmente, professionalmente o finanziariamente).

Lo status di vittima professionale si adatta bene alla tendenza della partner a punirsi, cioè: alla sua vena masochista. La vita tormentata con il narcisista è proprio quello che si merita.

In questo senso, il partner è l'immagine speculare del narcisista. Mantenendo una relazione simbiotica con lui, essendo totalmente dipendente dalla sua fonte di approvvigionamento masochistico (che il narcisista costituisce in modo più affidabile e più ampiamente fornisce) la partner esalta certi tratti e incoraggia certi comportamenti, che sono il nucleo stesso del narcisismo.

Il narcisista non è mai completo senza un partner adorante, sottomesso, disponibile, autodenigratorio. Il suo stesso senso di superiorità, anzi il suo Falso Sé, dipende da questo. Il suo Super-Io sadico sposta le sue attenzioni dal narcisista (nel quale spesso provoca l'ideazione suicida) al partner, ottenendo così finalmente una fonte alternativa di soddisfazione sadica.

È attraverso la negazione di sé che il partner sopravvive. Nega i suoi desideri, speranze, sogni, aspirazioni, bisogni sessuali, psicologici e materiali, scelte, preferenze, valori e molto altro ancora. Percepisce i suoi bisogni come minacciosi perché potrebbero suscitare l'ira della figura suprema del narcisista, simile a Dio.

Il narcisista è reso ai suoi occhi ancora più superiore attraverso e a causa di questa abnegazione. L'abnegazione intrapresa per facilitare e agevolare la vita di un "grande uomo" è più gradevole. Più "grande" è l'uomo (=il narcisista), più facile è per la partner ignorare il proprio sé, scemare, degenerare, trasformarsi in un'appendice del narcisista e, infine, diventare nient'altro che un'estensione, fondersi con il narcisista fino all'oblio e a ricordi solo vaghi di sé.

I due collaborano in questa danza macabra. Il narcisista è formato dal suo partner nella misura in cui lui lo forma. La sottomissione genera superiorità e il masochismo genera sadismo. Le relazioni sono caratterizzate dall'emergentismo: i ruoli sono assegnati quasi dall'inizio e ogni deviazione incontra una reazione aggressiva, persino violenta.

Lo stato d'animo predominante del partner è la confusione totale. Anche le relazioni più elementari con il marito, i figli o i genitori rimangono oscurate in modo sconcertante dall'ombra gigantesca proiettata dall'intensa interazione con il narcisista. La sospensione del giudizio è parte integrante della sospensione dell'individualità, che è sia un prerequisito che il risultato del vivere con un narcisista. Il partner non sa più cosa è vero e giusto e cosa è sbagliato e proibito.

Il narcisista ricrea per il partner il tipo di ambiente emotivo che ha portato alla sua formazione: capricciosità, incostanza, arbitrarietà, abbandono emotivo (e fisico o sessuale). Il mondo diventa ostile e minaccioso e al partner rimane solo una cosa a cui aggrapparsi: il narcisista.

E ci si aggrappa. Se c'è qualcosa che si può tranquillamente dire di coloro che si alleano emotivamente con i narcisisti, è che sono apertamente ed eccessivamente dipendenti.

Il partner non sa cosa fare e questo è fin troppo naturale nel caos che è la relazione con il narcisista. Ma anche il partner tipico non sa cosa vuole e, in larga misura, chi è e cosa vuole diventare.

Il partner non sa cosa fare e questo è fin troppo naturale nel caos che è la relazione con il narcisista. Ma il partner tipico non sa nemmeno cosa vuole e, in larga misura, chi è e cosa vuole diventare.

Queste domande senza risposta ostacolano la capacità del partner di valutare la realtà. Il suo peccato primordiale è di essersi innamorata di un'immagine e non di una persona reale. È il vuoto dell'immagine che si piange quando la relazione finisce.

La rottura di una relazione con un narcisista è quindi molto emotiva. È il culmine di una lunga catena di umiliazioni e di sottomissioni. È la ribellione delle parti funzionanti e sane della personalità del partner contro la tirannia del narcisista.

È probabile che il partner abbia totalmente frainteso e mal interpretato l'intera interazione (esito a chiamarla relazione). Questa mancanza di interfaccia corretta con la realtà potrebbe essere (erroneamente) etichettata come "patologica".

Perché il partner cerca di prolungare il suo dolore? Qual è l'origine e lo scopo di questa vena masochista? Al momento della rottura della relazione, il partner (ma non il narcisista, che di solito si rifiuta di fornire una chiusura) si impegna in una tortuosa e lunga autopsia.

Ma la domanda chi ha fatto cosa a chi (e anche perché) è irrilevante. Ciò che è rilevante è smettere di piangersi addosso, ricominciare a sorridere e amare in un modo meno servile, senza speranza e doloroso.

L'abuso

L'abuso è parte integrante e inseparabile del Disturbo Narcisistico di Personalità.

Il narcisista idealizza e poi DEVALUTA e scarta l'oggetto della sua idealizzazione iniziale. Questa svalutazione brusca e senza cuore è un abuso. Tutti i narcisisti idealizzano e poi svalutano. Questo è IL nucleo del comportamento narcisistico. Il narcisista sfrutta, mente, insulta, sminuisce, ignora (il "trattamento del silenzio"), manipola, controlla. Tutte queste sono forme di abuso.

Ci sono un milione di modi per abusare. Amare troppo è abusare. Equivale a trattare qualcuno come una propria estensione, un oggetto o uno strumento di gratificazione. Essere iperprotettivi, non rispettare la privacy, essere brutalmente onesti, con un senso dell'umorismo morboso, o costantemente senza tatto è abusare. Pretendere troppo, denigrare, ignorare sono tutti modi di abuso. C'è abuso fisico, abuso verbale, abuso psicologico, abuso sessuale. La lista è lunga.

I narcisisti sono maestri nell'abusare surrettiziamente ("abuso ambientale"). Sono "abusatori furtivi". Bisogna vivere realmente con uno di loro per essere testimoni dell'abuso.

Ci sono tre importanti categorie di abuso:

Abuso palese L'abuso aperto ed esplicito di un'altra persona. Minacciare, costringere, picchiare, mentire, rimproverare, sminuire, castigare, insultare, umiliare, sfruttare, ignorare ("trattamento del silenzio"), svalutare, scartare senza tanti complimenti, abuso verbale, abuso fisico e abuso sessuale sono tutte forme di abuso palese.
Abuso nascosto o di controllo Il narcisismo riguarda quasi interamente il controllo. È una reazione primitiva e immatura alle circostanze di una vita in cui il narcisista (di solito nell'infanzia) è stato reso impotente. Si tratta di riaffermare la propria identità, ristabilire la prevedibilità, dominare l'ambiente umano e fisico.
La maggior parte dei comportamenti narcisistici può essere ricondotta a questa reazione di panico alla potenziale perdita di controllo. I narcisisti sono ipocondriaci (e pazienti difficili) perché hanno paura di perdere il controllo sul loro corpo, il suo aspetto e il suo corretto funzionamento. Sono ossessivo-compulsivi nei loro sforzi per sottomettere il loro habitat fisico e renderlo prevedibile. Perseguitano le persone e le molestano come mezzo per "essere in contatto", un'altra forma di controllo narcisistico.
Ma perché questo panico?

Il narcisista è un solipsista. Per lui, nulla esiste tranne se stesso. Gli altri significativi sono le sue estensioni, assimilate da lui, sono oggetti interni, non esterni. Così, perdere il controllo di un altro significativo equivale a perdere l'uso di un arto, o del proprio cervello. È terrificante.

Le persone indipendenti o disobbedienti evocano nel narcisista la realizzazione che qualcosa non va nella sua visione del mondo, che lui non è il centro del mondo o la sua causa e che non può controllare quelle che, per lui, sono rappresentazioni interne.

Per il narcisista, perdere il controllo significa impazzire. Poiché le altre persone sono meri elementi nella mente del narcisista, non poterle manipolare significa letteralmente perderla (la sua mente). Immaginate, se improvvisamente doveste scoprire che non potete manipolare i vostri ricordi o controllare i vostri pensieri, sarebbe un incubo!

Inoltre, è spesso solo attraverso la manipolazione e l'estorsione che il narcisista può assicurarsi la sua fonte narcisistica (NS). Controllare le sue Fonti di Rifornimento Narcisistico è una questione (mentale) di vita o di morte per il narcisista. Il narcisista è un tossicodipendente (la sua droga è il NS) e farebbe di tutto per ottenere la prossima dose.

Nei suoi sforzi frenetici per mantenere il controllo o riaffermarlo, il narcisista ricorre a una miriade di stratagemmi e meccanismi diabolicamente inventivi. Ecco una lista parziale:

Imprevedibilità

Il narcisista agisce in modo imprevedibile, capriccioso, incoerente e irrazionale. Questo serve a demolire negli altri la loro visione del mondo accuratamente costruita. Diventano dipendenti dalla prossima svolta del narcisista, dai suoi capricci inspiegabili, dai suoi sfoghi, dalle smentite o dai sorrisi.

In altre parole: il narcisista si assicura che LUI sia l'unica entità stabile nella vita degli altri distruggendo il resto del loro mondo con il suo comportamento apparentemente folle. Garantisce la sua presenza nelle loro vite destabilizzandole.

In assenza di un sé, non ci sono simpatie o antipatie, preferenze, comportamenti prevedibili o caratteristiche. Non è possibile conoscere il narcisista. Non c'è nessuno.

Il narcisista è stato condizionato fin dalla prima età di abuso e trauma ad aspettarsi l'inaspettato. Il suo era un mondo in cui custodi e coetanei capricciosi (a volte sadici) si comportavano spesso in modo arbitrario. È stato addestrato a negare il suo vero sé e a nutrirne uno falso.

Avendo inventato se stesso, il narcisista non vede alcun problema nel reinventare ciò che ha progettato in primo luogo. Il narcisista è il suo stesso creatore.

Da qui la sua grandiosità.

Inoltre, il narcisista è un uomo per tutte le stagioni, sempre adattabile, costantemente imitante ed emulante, una spugna umana, uno specchio perfetto, un camaleonte, una non-entità che è, allo stesso tempo, tutte le entità combinate. Il narcisista è meglio descritto dalla frase di Heidegger: "Essere e Nulla". In questo vuoto riflessivo, in questo buco nero risucchiante, il narcisista attira le Fonti della sua Offerta Narcisistica.

Ad un osservatore, il narcisista appare fratturato o discontinuo.

Il narcisismo patologico è stato paragonato al Disturbo Dissociativo di Identità (ex Disturbo di Personalità Multipla). Per definizione, il narcisista ha almeno due sé, quello Vero e quello Falso. La sua personalità è molto primitiva e disorganizzata. Vivere con un narcisista è un'esperienza nauseante non solo per quello che è ma per quello che NON è. Non è un umano completamente formato, ma una galleria vertiginosamente caleidoscopica di immagini effimere, che si fondono l'una nell'altra senza soluzione di continuità. È incredibilmente disorientante.

È anche estremamente problematico. Le promesse fatte dal narcisista sono facilmente rinnegate da lui. I suoi piani sono transitori. I suoi legami emotivi sono un simulacro. La maggior parte dei narcisisti hanno un'isola di stabilità nella loro vita (il coniuge, la famiglia, la carriera, un hobby, la religione, il paese o l'idolo) che viene colpita dalle correnti turbolente di un'esistenza disordinata.

Il narcisista non mantiene gli accordi, non aderisce alle leggi o alle norme sociali, e considera la coerenza e la prevedibilità come tratti avvilenti.

Quindi, investire in un narcisista è un'attività senza scopo, futile e senza senso. Per il narcisista, ogni giorno è un nuovo inizio, una caccia, un nuovo ciclo di idealizzazione o svalutazione, un nuovo sé inventato. Non c'è accumulo di crediti o di buona volontà perché il narcisista non ha passato né futuro. Occupa un presente eterno e senza tempo. È un fossile intrappolato nelle ceneri congelate di un'infanzia vulcanica.

CONSIGLIO

Rifiutatevi di accettare questo comportamento. Esigete azioni e reazioni ragionevolmente prevedibili e razionali. Insisti sul rispetto dei tuoi confini, delle tue predilezioni, preferenze e priorità.

Reazioni sproporzionate

Uno degli strumenti di manipolazione preferiti nell'arsenale del narcisista è la sproporzionalità delle sue reazioni. Reagisce con rabbia suprema alla minima cosa. Punisce severamente per ciò che percepisce come un'offesa contro di lui, non importa quanto piccola. Fa i capricci per qualsiasi discordia o disaccordo, anche se espresso in modo gentile e premuroso. Oppure può agire in modo attento, affascinante e seducente (anche eccessivamente sexy, se necessario). Questo paesaggio emotivo sempre mutevole ("dune affettive") insieme a un codice penale smodatamente duro e applicato arbitrariamente sono entrambi promulgati dal narcisista. Il bisogno e la dipendenza dalla fonte di tutta la giustizia che viene applicata al narcisista sono così garantiti.

CONSIGLIO

Esigere un trattamento giusto e proporzionato. Rifiuta o ignora il comportamento ingiusto e capriccioso.

Se siete all'altezza dell'inevitabile confronto, reagite in modo gentile. Fategli assaggiare un po' della sua stessa medicina.

Disumanizzazione e oggettivazione

Le persone hanno bisogno di credere nelle capacità empatiche e nel buon cuore di base degli altri. Disumanizzando e oggettivando le persone, il narcisista attacca le basi stesse del trattato sociale. Questo è l'aspetto "alieno" dei narcisisti: possono essere eccellenti imitazioni di adulti completamente formati, ma sono emotivamente inesistenti, o, nel migliore dei casi, immaturi.

Questo è così orribile, così ripugnante, così fantasmagorico che la gente indietreggia nel terrore. È allora, con le loro difese assolutamente abbassate, che sono le più suscettibili e vulnerabili al controllo del narcisista. L'abuso fisico, psicologico, verbale e sessuale sono tutte forme di disumanizzazione e oggettivazione.

CONSIGLIO

Non mostrare mai al tuo abusatore che hai paura di lui. Non negoziare con i bulli. Sono insaziabili. Non cedere al ricatto.

Se le cose si fanno difficili - disimpegnati, coinvolgi le forze dell'ordine, amici e colleghi, o minaccialo (legalmente).

Non tenere segreto il tuo abuso. La segretezza è l'arma dell'abusatore.

Non dargli mai una seconda possibilità. Reagisci con tutto il tuo arsenale alla prima trasgressione.

Abuso di informazioni

Fin dai primi momenti dell'incontro con un'altra persona, il narcisista è a caccia. Raccoglie informazioni con l'intenzione di applicarle in seguito per estrarre l'approvvigionamento narcisistico. Più sa della sua potenziale Fonte di Approvvigionamento, più è in grado di costringerla, manipolarla, affascinarla, estorcerla o convertirla "alla causa". Il narcisista non esita ad abusare delle informazioni che ha raccolto, indipendentemente dalla loro natura intima o dalle circostanze in cui le ha ottenute. Questo è un potente strumento nel suo arsenale.

CONSIGLIO

Sii prudente. Non essere troppo disponibile in un primo incontro o in un incontro casuale. Raccogliete informazioni.

Sii te stesso. Non travisare i tuoi desideri, limiti, preferenze, priorità e linee rosse.

Non comportatevi in modo incoerente. Non tornare indietro sulla parola data. Sii fermo e risoluto.

Situazioni impossibili

Il narcisista progetta situazioni impossibili, pericolose, imprevedibili, senza precedenti, o altamente specifiche, in cui lui è dolorosamente e indispensabilmente necessario. Il narcisista, le sue conoscenze, le sue capacità o i suoi tratti diventano gli unici applicabili, o i più utili per far fronte a queste situazioni artificiali. È una forma di controllo per procura.

CONSIGLIO

State lontani da questi pantani. Esamina ogni offerta e suggerimento, non importa quanto innocuo.

Preparare piani di riserva. Tieni gli altri informati dei tuoi spostamenti e della tua situazione.

Sii vigile e dubbioso. Non essere ingenuo e suggestionabile. Meglio prevenire che curare.

Controllo per procura

Se tutto il resto fallisce, il narcisista recluta amici, colleghi, compagni, membri della famiglia, autorità, istituzioni, vicini di casa, o i media, in breve, terze parti per eseguire i suoi ordini. Li usa per persuadere, costringere, minacciare, pedinare, offrire, ritirare, tentare, convincere, molestare, comunicare e manipolare in altro modo il suo obiettivo. Controlla questi strumenti inconsapevoli esattamente come progetta di controllare la sua preda finale. Utilizza gli stessi meccanismi e dispositivi. E quando il lavoro è finito, abbandona i suoi oggetti di scena senza tante cerimonie.

Un'altra forma di controllo per procura consiste nell'architettare situazioni in cui l'abuso viene inflitto ad un'altra persona. Questi scenari accuratamente creati implicano imbarazzo e umiliazione così come sanzioni sociali (condanna, obbrobrio, o anche punizione fisica). La società o un gruppo sociale diventano gli strumenti del narcisista.

CONSIGLIO

Spesso i delegati dell'abusatore non sono consapevoli del loro ruolo. Esponetelo. Informateli. Dimostrate loro come vengono abusati, abusati e usati in modo improprio dall'abusante.

Intrappolate il vostro abusatore. Trattatelo come lui tratta voi. Coinvolgi gli altri. Portatelo allo scoperto. Non c'è niente come la luce del sole per disinfestare l'abuso.

Abuso ambientale

La promozione, la propagazione e il potenziamento di un'atmosfera di paura, intimidazione, instabilità, imprevedibilità e irritazione. Non ci sono atti di abuso esplicito tracciabile o dimostrabile, né impostazioni manipolative di controllo. Eppure, la sensazione fastidiosa rimane, un presagio sgradevole, una premonizione, un cattivo presagio. Questo è talvolta chiamato "gaslighting".

A lungo termine, un ambiente di questo tipo erode il senso di autostima e la fiducia in se stessi. La fiducia in se stessi è fortemente scossa. Spesso, le vittime diventano paranoiche o schizoidi e quindi sono ancora più esposte a critiche e giudizi. I ruoli sono così invertiti: la vittima è considerata mentalmente disordinata e il narcisista l'anima sofferente o la vittima.

CONSIGLIO

Scappate! Allontanati! L'abuso ambientale spesso si sviluppa in un abuso palese e violento.

Non devi spiegazioni a nessuno, ma devi a te stesso una vita. Abbandona la relazione.

L'ottimismo maligno dell'abusato

Mi imbatto spesso in tristi esempi del potere di auto-illusione che il narcisista provoca nelle sue vittime. È quello che io chiamo "ottimismo maligno". Le persone rifiutano di credere che alcune questioni siano irrisolvibili, alcune malattie incurabili, alcuni disastri inevitabili. Vedono un segno di speranza in ogni fluttuazione. Leggono significati e schemi in ogni avvenimento casuale, parola o errore. Sono ingannati dal loro bisogno pressante di credere nella vittoria finale del bene sul male, della salute sulla malattia, dell'ordine sul disordine. La vita appare altrimenti così priva di senso, così ingiusta e così arbitraria.

Quindi, gli impongono un disegno, un progresso, degli obiettivi e dei percorsi. Questo è un pensiero magico.

"Se solo ci avesse provato abbastanza", "Se solo avesse voluto davvero guarire", "Se solo avessimo trovato la terapia giusta", "Se solo le sue difese fossero abbassate", "Ci DEVE essere qualcosa di buono e degno sotto l'orribile facciata", "NESSUNO può essere così cattivo e distruttivo", "Deve averlo inteso diversamente", "Dio, o un essere superiore, o lo spirito, o l'anima è la soluzione e la risposta alle nostre preghiere", "Non è responsabile di ciò che è - il suo narcisismo è il prodotto di un'infanzia difficile, di abusi, e dei suoi mostruosi genitori. "

Le difese Pollyanna degli abusati sono rivolte contro l'emergente e orribile comprensione che gli esseri umani sono meri granelli di polvere in un universo totalmente indifferente, i giocattoli di forze malvagie e sadiche, di cui il narcisista è uno - e che infine il loro dolore non significa nulla per nessuno se non per loro stessi. Niente di niente. È stato tutto inutile.

Il narcisista disprezza questo tipo di pensiero in modo appena accennato. Per lui, è un segno di debolezza, l'odore della preda, una vulnerabilità aperta. Usa e abusa di questo bisogno umano di ordine, bene e significato come usa e abusa di tutti gli altri bisogni umani. Ingenuità, cecità selettiva, ottimismo maligno, queste sono le armi della bestia. E gli abusati sono al lavoro per fornirgli il suo arsenale.

Il confine nelle relazioni

I miei clienti mi spiegano spesso come stabiliscono un limite. Mi dicono qualcosa come: "Ho posto un limite. Gli ho detto che deve smettere di umiliarmi in pubblico", oppure "Ho posto un limite. Le ho detto che deve essere puntuale d'ora in poi", oppure "Ho posto un limite. Gli ho detto che deve smettere di essere critico nei miei confronti".

Questo non è un confine. Un confine non consiste nel dire ad un'altra persona cosa fare. Si tratta di dire ad un'altra persona cosa farai tu di fronte al continuo comportamento scortese o indesiderato dell'altro. Anche se è difficile da accettare per la maggior parte delle persone, non possiamo controllare il comportamento dell'altro. Ciò che possiamo controllare è la nostra risposta di fronte al comportamento altrui.

Un confine significa dire la propria verità e agire di conseguenza. Per esempio:

"Non sono più disposto a stare con te in pubblico quando mi metti giù. La prossima volta che lo farai, annuncerò a tutti che non sono più disposto a farmi abbattere da te. Allora me ne andrò e prenderò la macchina o un taxi per tornare a casa".

"Non sono più disposto ad arrivare in ritardo agli eventi a causa del tuo ritardo. La prossima volta che sarai in ritardo, me ne andrò senza di te. Se continui ad essere in ritardo, allora pianificherò di prendere auto separate".

"Le tue continue critiche mi sembrano terribili. D'ora in poi, quando sarai critico, ti dirò che mi fa schifo e lascerò la stanza".

Poi, naturalmente, dovete intraprendere l'azione che avete detto che avreste fatto. Se non agite, allora quello che avete detto è una manipolazione piuttosto che una verità. Un confine non significa nulla finché non siete disposti a compiere l'azione.

La parte difficile di questo ha a che fare con il vostro intento. Se il vostro intento è quello di controllare l'altra persona piuttosto che prendervi cura amorevolmente di voi stessi, allora la vostra dichiarazione e azione è solo un'altra forma di controllo. Se il vostro desiderio è quello di assumervi la responsabilità per voi stessi, allora il vostro tono di voce sarà calmo e concreto - semplicemente facendo sapere all'altra persona cosa farete o state facendo. Se il vostro desiderio è quello di controllare l'altra persona, allora il vostro tono di voce sarà arrabbiato, incolpante e accusatorio, e la vostra energia sarà dura e chiusa.

Non possiamo nascondere il nostro intento - verrà sempre fuori nella nostra energia e nel nostro tono di voce. Per quanto possiate cercare di mascherare un intento di controllo, l'altro lo capirà sempre e probabilmente reagirà ad esso con il suo comportamento di controllo.

Tu vieni da un luogo di potere personale quando il tuo intento è quello di prenderti cura amorevolmente di te stesso piuttosto che controllare l'altro. Dal momento che in definitiva non potete controllare l'altro, cercare di farlo vi lascerà frustrati e impotenti.

La parte impegnativa di questo è intraprendere l'azione amorevole per conto proprio. Per prendervi cura amorevolmente di voi stessi, dovete essere disposti a lasciare andare il risultato su come l'altra persona si sentirà e si comporterà. Se siete concentrati sul controllo di come l'altra persona si sentirà di fronte alle vostre azioni, allora non sarete in grado di compiere l'azione amorevole. Se la vostra attenzione è sull'altra persona, come: "Lui si sentirà ferito e arrabbiato se lascio la festa", o "Lei sarà furiosa con me se me ne vado senza di lei", o "Lui si sentirà respinto e mi dirà che sto scappando dal conflitto se lascio la stanza quando lui è critico", allora non sarete in grado di intraprendere l'azione amorevole.

Solo se siete in compassione per voi stessi sarete in grado di agire per conto vostro. Compassione per te stesso significa che sei disposto al 100% ad assumerti la responsabilità dei tuoi sentimenti piuttosto che cercare di farlo fare a qualcun altro al posto tuo, o piuttosto che cercare di controllare i sentimenti di un altro. Significa che sei disposto a che l'altra persona sia arrabbiata con te piuttosto che continuare ad essere trattato in modo poco gentile.

Le persone tendono a rispecchiare il modo in cui trattiamo noi stessi. Se tollerate un trattamento poco gentile, state facendo sapere agli altri che va bene trattarvi male. Prendendoti amorevolmente cura di te stesso di fronte al comportamento scortese degli altri, scoprirai che generalmente gli altri ti rispetteranno e ti tratteranno bene.